Pacchetto per il sostegno all’export

Il "decreto rilancio" rimpingua i fondi destinati alle esportazioni e all’internazionalizzazione: con il provvedimento viene rifinanziato innanzitutto il Fondo di promozione integrata del made in Italy.

La dote assegnata (250 milioni) dovrà servire anche a coprire la concessione di cofinanziamenti a fondo perduto fino al cinquanta per cento dei finanziamenti agevolati concessi da Simest (gruppo Cdp) nell’ambito del Fondo rotativo 394; lo stesso provvedimento alza poi la dotazione, con ulteriori 200 milioni, di quest’ultimo strumento che si è rivelato particolarmente efficace nel favorire il rilancio delle imprese italiane sui mercati esteri.

Il decreto raddoppia inoltre i massimali di finanziamento previsti per tutti gli strumenti previsti dal Fondo 394, a partire dai finanziamenti agevolati che possono coprire le spese delle aziende esportatrici: dalla partecipazione alle fiere ai programmi di inserimento sui mercati esteri fino alla patrimonializzazione delle Pmi.

Fonte Il Sole 24 Ore