Nuovo piano per Industria 4.0

Il nuovo pacchetto di incentivi fiscali «4.0» è pronto: il ministero dello Sviluppo ha definito la sua piattaforma in vista della legge di bilancio.

Conferma dei crediti di imposta, proroga triennale, aumento di alcune aliquote e tetti di spesa; un’operazione che, se confermata dal ministero dell’Economia, vale 27-30 miliardi. Il piano Transizione 4.0 dovrebbe uscirne rafforzato solo in alcuni tasselli: priorità a ricerca, sviluppo e innovazione, beni immateriali (software) e formazione, non ai beni strumentali materiali. Lo schema prevede che il credito di imposta per gli investimenti in R&S passi dal 12 al 20% con un tetto a 5 milioni. Quello per i progetti finalizzati a transizione ecologica e trasformazione digitale sarà incrementato dal 10 al 15% con limite a 2 milioni. Inalterati il tax credit per l’innovazione finalizzata ad altri obiettivi e per il design (al 6%). Nessuna modifica pure per il credito di imposta sui beni strumentali legati alla digitalizzazione (l’ex iperammortamento). Allo studio la cedibilità dei crediti alle banche.

Fonte Il Sole 24 Ore