Ripartenza della Sabatini

Secondo un decreto del ministero dello Sviluppo economico dello scorso 22 dicembre, dal prossimo 2 Gennaio 2017 riparte la corsa agli incentivi della Sabatini.
Son stati messi a disposizione delle imprese 560 milioni per l'incentivo reintrodotto dall'articolo 2 del Dl 69/2013.
La tornata di aiuti sarà caratterizzata per la prima volta da uno spread dell'incentivo, con il riconoscimento di un beneficio finale incrementato del 30% per gli investimenti ricollegabili ad Industria 4.0.
Si tratta, in particolare, degli acquisti che si concretizzano in macchinari, impianti e attrezzature, nuovi di fabbrica, che siano finalizzati alla realizzazione di investimenti in tecnologie avanzate, quali quelli in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (Rfid), nonché in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.
Il decreto si sofferma anche sulle domande presentate dalle imprese alle banche o agli intermediari finanziari prima del 3 settembre 2016 e da queste non incluse in una richiesta di prenotazione delle risorse inviata al Mise. Per tali istanze, il decreto conferma che le stesse saranno inserite dalle stesse banche o intermediari finanziari nella richiesta di prenotazione che si avvierà dal prossimo mese.

Fonte: Il Sole 24 Ore